• 21:42
  • 25.05.2020
Claudia Galanti, morte figlia: “Mi tormenta, qualcosa non torna”
showbiz
25.05.2020

Claudia Galanti, morte figlia: “Mi tormenta, qualcosa non torna”

read more

In un’intervista Claudia Galanti ha rivelato di essere tormentata dall’aver deciso di non fare effettuare l’autopsia sul corpo della figlia.The real reasons Lena Dunham and Jack Antonoff broke up

Come molti sapranno Claudia Galanti ha subito un grave lutto quando la sua figlia è morta soffocata a 9 mesi. La bimba in quella occasione si trovava a casa del padre e della compagna e lei è stata messa a conoscenza dell’accaduto solo in un secondo momento. Adesso Claudia torna a parlare del dramma vissuto e rivela di avere un grosso rimorso a riguardo: “Quando Indila è deceduta, ho detto no all’autopsia. Oggi ho capito di aver sbagliato. Qualcosa non mi è chiaro. Questo pensiero mi tormenta tutte le notti. Mi tormenta sempre”.

La morte di Indila ha causato a Claudia un grande stress che l’ha costretta a prendere dei farmaci per calmarsi e andare avanti. Sebbene per un periodo ha pensato che non ne sarebbe mai uscita, l’aiuto dei figli le ha permesso di riemergere dal baratro psicologico in cui era precipitata: “Ho vissuto prendendo farmaci ogni giorno. Anche sette, otto pillole. Ho pensato di diventare pazza. C’è stato un momento in cui non parlavo più. Poi la cucina per un po’ mi ha salvato e l’amore per i miei figli mi ha fatto alzare dal letto. Ma ricado, ricado ancora, sempre. Il pensiero, il colpo di Indila mi tormenta”.

Sarah Palin's son Track arrested for alleged domestic violence

Ritrovato un equilibrio interiore, la vita di Claudia continua a non essere serena quando esce di casa a causa del giudizio della gente. L’ex compagno, infatti, è in carcere e lei avverte che le persone la etichettano come l’ex di un detenuto: “In Francia non sono Claudia Galanti ma l’ex donna di un detenuto. Andare in giro significa abbassare lo sguardo per paura della gente”.James Franco responds to recent sexual misconduct allegations

386060
read more